Diagnosi Energetica

Diagnosi Energetica


La diagnosi energetica è definita dalla Direttiva europea 2012/27/UE come “una procedura sistematica finalizzata a ottenere un’adeguata conoscenza del profilo di consumo energetico di un edificio o gruppo di edifici, di una attività o impianto industriale o commerciale o di servizi pubblici o privati, a individuare e quantificare le opportunità di risparmio energetico sotto il profilo costi-benefici e a riferire in merito ai risultati”.


A cosa serve

Analizzare in dettaglio i consumi energetici di un sito

Individuare possibili vantaggi/svantaggi competitivi rispetto i competitor

Identificare le fonti di inefficienza

Individuare le opportunità di risparmio

Fase 1 – Determinazione della Baseline

I benefici di un intervento si valutano in funzione di uno stato antecedente: la Baseline. Noi lo facciamo attraverso una metodologia appositamente studiata che prevede l’integrazione di:
sistemi di monitoraggio installati sul campo
– modellazione digitale attraverso simulazioni energetiche dinamiche e software BIM.

Fase 2 – Definizione di Indici di prestazione energetica

Definiamo indicatori utili a:
allocare il peso della componente energetica sul bilancio del sito
confrontare le performance del sito con il benchmark del mercato
– creare strumenti per la previsione della spesa energetica in funzione della produzione

 

Fase 3 – Individuazione opportunità di risparmio

Individuiamo le migliori opportunità di risparmio energetico ed economico sulla base dei consumi del sito rilevati in precedenza. Le opportunità vengono classificate in base ai risparmi conseguibili, al rapporto costo/beneficio e al tempo di ritorno dell’investimento.

 

Fase 4 – Come finanziare le opportunità individuate

Una volta individuate le opportunità, individuiamo i possibili strumenti di finanziamento, a seconda del rischio che il cliente intende assumersi:
Istituti di Credito
Contratti EPC a risparmio garantito
Contratti EPC a risparmio condiviso
– Senza dimenticare il contributo dei numerosi incentivi statali (detrazioni fiscali, certificati bianchi, conto termico)

 

A chi è consigliata

Grandi Imprese ed Imprese Energivore

Per le quali è obbligatoria entro il 2019 secondo la legge 102/2014

PMI

Che godono di interessanti incentivi regionali

Edifici del terziario

Che spesso presentano diversi centri di inefficienza per vetustà di involucro e impianti.

Condomini

E’ il primo passo per poter accedere e trarre il massimo vantaggio dai diversi incentivi statali messi a disposizione dei condomini


I nostri pacchetti

Sopralluogo Energetico

Consigliato per Microbusiness e Piccole Imprese
da €700
  • Analisi preliminare dei consumi e del costo energetico. Il report illustra il quadro generale dei consumi del cliente con l’identificazione delle aree di miglioramento, classificate in base ai risparmi in bolletta ottenibili. L’offerta prevede (i) sopralluogo presso l’azienda cliente e raccolta dati di consumo e di processo (ii) analisi dei dati e confronto con benchmark di mercato

Diagnosi Energetica Completa

Consigliato per Condomini, PMI e Grandi Imprese
da €3'000
  • Redazione della diagnosi energetica ai sensi del DLGS 102/14, con incluso: (i) analisi di dettaglio dei consumi energetici (ii) monitoraggio dei consumi delle principali utenze (iii) la corretta ripartizione dei consumi in base ai criteri stabiliti dalla direttiva e concordati con il cliente (iv) analisi dei benchmark (v) individuazione ed analisi tecnico-economica dei principali interventi di efficientamento

Diagnosi Energetica Premium

Consigliato per Grandi Condomini, PMI e Grandi Imprese
da €4'500
  • Alla diagnosi energetica completa si aggiunge uno studio di fattibilità tecnico, economico e finanziario per la valutazione finanziaria approfondita di 2 interventi significativi, con analisi dei rischi e confronto tra investimento in conto capitale o tramite ESCO. Consigliata per approfondimento di interventi di Cogenerazione, Trigenerazione e Illuminazione a LED

Se sei una PMI lombarda, il 50% della diagnosi è finanziata dalla Regione.
E se vorrai dare seguito ad un intervento, il resto ce lo mettiamo noi.

Scopri di più

Perchè rivolgerti a noi

La nostra diagnosi si ripaga in pochi mesi

Il giusto mix tra monitoraggio e simulazioni energetiche dinamiche

Oltre ad individuare le soluzioni, siamo in grado di progettarle

Oltre a progettarle, troviamo anche le soluzioni finanziarie per realizzarle

Vuoi saperne di più? Non esitare a contattarci!

CONTATTACI

Le nostre pubblicazioni in proposito

La campagna di misure ha infatti evidenziato una serie di sprechi energetici quantizzabili intorno ai 30.000 euro, circa il 3% della bolletta, che attraverso l’adozione di semplici azioni correttive è stato possibile eliminare. Considerando poi che l’audit comprensivo del noleggio degli strumenti è costato 10.000 euro, la diagnosi ha presentato un pay back di soli 4 mesi.

SPRECHI DA TAGLIARE OBBLIGO D'IMPRESA

da l’Eco di Bergamo , Scarica la pubblicazione - 07/2016

L’analisi di sensitività eseguita sui fattori di rischio insiti nelle due tecnologie ha portato a ridimensionare significativamente i risultati derivanti da una analisi convenzionale di profittabilità.

STUDIO COMPARATO DI FATTIBILITÀ TECNICO ED ECONOMICO PER IMPIANTI DI COGENERAZIONE

da Aicarr Journal , Scarica la Pubblicazione - #32 2015

Alcuni casi significativi

Esempio Reale Ospedale

Un ospedale: • Spesa per energia elettrica: € 210 811 • Spesa per gas: € 136 446 Risultati + interessanti: o non ottimale gestione della sala operatoria: possibile risparmio di € 15’519 anno con semplice intervento sulla regolazione dal costo di € 15’000 (pay back = 1) o Illuminazione LED: risparmio di €20’941 all’anno con investimento di €64’004

Esempio Reale Industria Chimica

• Spesa energia elettrica: € 835’827 • Spesa gas: € 251’972 Risultati + interessanti o Finalmente evidenziato il costo energetico per reparto e per singola linea di produzione, fondamentale per allocazione dei costi e strategie dell’azienda. o Possibilità di investire sulla cogenerazione con risparmio pari a € 277’046 all’anno e payback inferiore a 3 anni.